LETTERA T

Tacchella Giuseppe (????-????)


"È grande invalido di guerra in seguito a ferita all’emitorace sinistro, riportata nella battaglia del Piave; come tale gode della pensione di prima categoria a vita e dell’assegno di superinvalidità.
È iscritto al P.N.F. e all’Associazione Fascista della Scuola." Così decretò la Commissione,  composta da Martinetti, Scorza e Bompiani, che gli conferì la libera docenza in Geometria descrittiva nel 1933.

In quell’occasione presentò "13 pubblicazioni: delle quali 4 sono recensioni, una è in ricordo di matematici italiani caduti nella grande guerra, tre sulle macchine calcolatrici, una sui problemi risolubili con un’apertura fissa di compasso. (...) Più strettamente attinenti alla materia oggetto della libera docenza sono: una nota sulla visibilità di poliedri convessi rappresentati col metodo di Monge; una nota sulla prospettiva a 45°; una sulle divisioni semiregolari del piano, e un lavoro più esteso sulla rapresentazione di luoghi lineari composti".