LETTERA S

Sibirani Filippo (1880-1957)


Era nato a S. Agata Bolognese il 4 febbraio 1880; è morto a Bologna il 9 marzo 1957.

Laureatosi nel 1902 all'Università di Bologna, vi rimase sino al 1906 come assistente di Calcolo infinitesimale e poi di Meccanica razionale. Dal 1907 al 1922 insegnò all'Istituto Tecnico Commerciale di Milano e, nel contempo, ebbe vari incarichi nelle Università di Parma, Bologna e Pavia. Nel 1922, in seguito a concorso, divenne professore di Matematica finanziaria a Trieste, dove rimase sino al 1929 e oltre, salvo un anno (1925-26) in cui insegnò Analisi infinitesimale a Pavia. Nel 1929 fu il primo rettore del neo fondato Istituto (ora Facoltà) di Scienze Economiche e Commerciali di Bologna (continuando però, sino al '35, ad insegnare anche a Trieste). Nel 1945-46 riorganizzò, come Commissario prefettizio, l'Unione Matematica Italiana, di cui era stato precedentemente amministratore.

La sua produzione scientifica si estende ai più vari campi della Matematica pura e applicata ed ha un carattere inevitabilmente frammentario, data la sua movimentata carriera d'insegnante, spesso in sedi plurime. Poco prima della sua morte fu pubblicato un volume di “Scritti matematici” in suo onore (Bologna, Zuffi, 1957) che contiene l'elenco completo delle pubblicazioni.

Fu socio dell'Accademia delle Scienze di Bologna e dell'Accademia Gioenia di Catania.