LETTERA S

Schwarz Maria Josepha (de, von) (1909-1957)


Era nata a Trieste (dove il padre era ufficiale della Marina austroungarica) il 2 agosto 1909; è morta, suicida, a Roma il 18 luglio 1957.

Si laureò a Monaco di Baviera in Legge e in Matematica (nel 1933) e qui fu, per qualche tempo, assistente di Carathéodory (1873-1950). Ebbe poi una vita difficile e randagia, mal sopportando le dittature dell'epoca. Dopo l'ultima guerra, lavorò per qualche tempo per l'Aeronautica francese (ONERA) finchè, nel 1949, Picone la fece venire a Roma nel suo Istituto per le Applicazioni del Calcolo, in cui prestò utilissima opera. Divenne pure libero docente di Fisica Matematica all'Università did Roma.

Fu autrice di pregevoli lavori sul Calcolo della variazioni (principalmente pubblicati nei Math. Annalen col nome di von Schwarz) e di Fisica matematica. Collaborò con Krall ad un manuale sulle volte cilindriche sottili, uscito poco dopo la sua tragica morte.

 

Necrologio: “Boll. UMI”, (3) 12 (1957), pp. 732-734 (D. Caligo).