LETTERA M

Marchionna Ermanno (1921-1993)

Era nato a Castel di Sangro (AQ) il 16 novembre 1921; è morto a Milano il 2 dicembre 1993.

Dopo aver frequentato le scuole superiori a Bergamo, conseguendo nello stesso anno (1940) l'abilitazione magistrale e la maturità scientifica, si era laureato in Matematica a Milano nel 1944, discutendo una tesi in Geometria sotto la guida di Oscar Chisini, di cui fu caro e stimato allievo. Fu dal 1945 al 1956 assistente di Geometria al Politecnico di Milano. Libero docente in Geometria algebrica dal 1954, fu nominato nel 1956 professore straordinario di Geometria nell'Università di Ferrara e successivamente in quella di Torino, dove nel 1963 fu professore ordinario di Istituzioni di Geometria superiore. Passato al Politecnico di Milano, vi restò fino al 1988, quando si trasferì alla cattedra di Istituzioni di Geometria superiore di quella Facoltà di Scienze.

I suoi 80 lavori riguardano principalmente la Geometria algebrica classica. Fu autore di apprezzati manuali di Algebra e di Geometria. Estrinsecò la sua forte carica organizzativa nell'organizzazione, fra l'altro, di importanti Convegni, Corsi C.I.M.E. e conferenze: fra gli altri, il Convegno internazionale di Geometria a Torino nel 1961, il Convegno internazionale di Geometria algebrica a Milano nel 1971, il corso C.I.M.E. di Geometria algebrica a Varenna nel 1969 (con la partecipazione di Zariski, Seshadri, Mumford, Seidenberg, Scott, ecc.) e il Convegno di Geometria a Gargnano nel 1987.

Era socio dell'Accademia dei Lincei e dell'Istituto Lombardo.