LETTERA M

Maisano Francesco (1927-1989)

Era nato a Siena il 13 marzo 1927; è morto a Palermo il 2 giugno 1989.

Laureatosi a Palermo nel 1951, gli venne subito affidato l'incarico di Topologia. In quel suo primo anno di attività universitaria curò, assieme ad un altro giovane collega, Calogero Vinti, al quale restò legato per tutta la vita da fraterna amicizia, la raccolta delle lezioni di Analisi superiore tenute da Benedetto Pettineo. Successivamente insegnò nei Licei. Nel 1965 conseguì la libera docenza in Algebra e, contestualmente, vinse il concorso di assistente di Matematiche complementari: lasciò allora definitivamente l'insegnamento secondario e si dedicò all'attività universitaria. Dal 1968 al 1984, fu incaricato di Matematiche complementari presso la Facoltà di Scienze ma contemporaneamente (quale “professore aggregato” prima e ordinario successivamente) fu anche docente di Geometria presso la Facoltà di Ingegneria.

La sua produzione scientifica fu molto differenziata. Si occupò inizialmente di problematiche di carattere geometrico. L'incontro con Giorgio Trevisan, agli inizi degli anni '60, fu determinante per solleciare poi l'interesse verso i problemi dell'Analisi reale e della Teoria della misura. Autore di ottimi manuali universitari (di Analisi, Geometria e di Matematiche complementari), la sua attività si esplicava principalmente nei numerosi seminari di formazione dei giovani ricercatori (di particolare rilievo il convegno sul “Calcolo delle variazioni” tenuto a Palermo nel 1976 e i seminari sui “gruppi di Lie" e sulla “Teoria delle distribuzioni”).

Era socio ordinario dell'Accademia di Scienze, Lettere ed Arti di Palermo.