LETTERA F

Gaetano Fichera

Gaetano Fichera era nato ad Acireale (Catania) l'8 febbraio 1922; è morto a Roma l'1 giugno 1996.

Figlio di un docente di Matematica che gli aveva saputo infondere l'amore per la sua disciplina, dopo gli studi secondari ed il primo biennio universitario svolto presso l'Università di Catania (1937-39), si era trasferito a Roma, dove si era laureato in Matematica, con lode, a soli diciannove anni. Libero Docente in Analisi matematica nel 1948, aveva vinto nel 1949 il concorso per la cattedra di Analisi presso l'Università di Trieste. Nel 1956 era stato richiamato all'Università di Roma, per ricoprirvi dapprima la cattedra di Analisi matematica e successivamente quella di Analisi superiore.

La sua produzione scientifica, ricca di 226 lavori e di 18 libri (fra trattati, corsi di lezioni e monografie), è rivolta a numerosi settori dell'Analisi e delle sue applicazioni: la teoria dell'elasticità e le disequazioni variazionaIi, le equazioni differenziali (ordinarie e alle derivate parziali), il Calcolo delle variazioni, l'Analisi funzionale, la teoria dell'approssimazione, la teoria del potenziale, la teoria della misura e dell'integrazione, la teoria delle funzioni di una o più variabili complesse, l'Analisi numerica e, infine, la Storia della Matematica italiana del Novecento.Era membro dell’Accademia Nazionale dei Lincei (da cui aveva ottenuto il prestigioso “Premio Feltrinelli” nel 1976), dell’Accademia Nazionale delle Scienze detta dei XL e numerose altre (sia italiane che straniere).È stato socio dell'Unione Matematica Italiana dal 1947 al 1991.

Cenni biografici: Notiziario UMI, a. XXIII, n. 6 (giugno 1996), pp. 48-50 (Paolo E. Ricci).