LETTERA B

Rodolfo BETTAZZI
(1861-1941)

 


Era nato a Firenze il 14 novembre 1861; è morto a Torino il 26 gennaio 1941.

Si laureò nel 1882 a Pisa, dove fu, per 4 anni, assistente di Ulisse Dini. Insegnò in varie scuole medie, in ultimo (dal 1891 al collocamento a riposo nel 1931) al Liceo "Cavour" di Torino e inoltre, dal 1892 al 1932 all'Accademia militare della stessa città. Nel 1895, assieme a Lugli e Giudice, fondò la "Mathesis ", di cui fu il primo Presidente. Fu pure attivo in una derisa lega per la pubblica moralità.

La sua vita professionale può essere suddivisa in tre periodi. Nel primo (dalla laurea al trasferimento a Torino), Bettazzi fu essenzialmente un ricercatore di Analisi, che spostò progressivamente i suoi interessi verso lo studio delle strutture algebriche astratte e dei fondamenti della Geometria. Nel secondo (fino ai primi anni del secolo scorso), Bettazzi fu soprattutto il Presidente della "Mathesis", di cui divenne animatore instancabile e insostituibile. Nel terzo periodo, gli interessi prevalenti divennero sociali e politici, in connessione con una concezione molto dinamica dei compiti affidati al laicato cattolico. Dopo la guerra, fu anche consigliere comune a Torino per il "Partito Popolare".

Fu autore di molti lavori di natura didattica. Tra quelli di ricerca si segnalano alcuni notevoli Note sul calcolo differenziale per funzioni di più variabili reali e la "Teoria delle grandezze" (1890) premiata dal Ministero della Pubblica Istruzione (da una Commissione di cui facevano parte Betti, Beltrami, Cremona e Battaglini) e dall'Accademia dei Lincei.

Necrologio: "Periodico di Mat.", (4) 21 (1941), pp. 203-204 (A. Natucci).


Rodolfo Bettazzi
a una settimana di Studi della Gioventù Cattolica
Fiorentina nel 1921
da "L'Osservatore Romano della Domenica" -
2 febbraio 1941 - XIX°