VIAGGIANDO ATTORNO AI GIOCHI-1 (EDIZIONE 2000)

 

VIAGGIANDO ATTORNO AI GIOCHI-2 (EDIZIONE 2001)

 

VIAGGIANDO ATTORNO AI GIOCHI-3 (EDIZIONE 2002)

 

VIAGGIANDO ATTORNO AI GIOCHI-4 (EDIZIONE 2003)

 

VIAGGIANDO ATTORNO AI GIOCHI-5 (EDIZIONE 2004)

 

VIAGGIANDO ATTORNO AI GIOCHI-6 (EDIZIONE 2005)

 

 

 


 

 

 

 

Parigi: Finale Internazionale dei "Campionati di Giochi Matematici" 2006

Sono ormai parecchi anni che la squadra italiana torna da Parigi con risultati d'eccellenza; nella “storia” delle Finali Internazionali (arrivate alla XX a edizione - 13 a per l'Italia), a parte una importante vittoria di Marco Pennazzato di Treviso negli anni '90, è dall'anno 2000 che la “Nazionale” riesce a conquistare ogni anno un buon numero di medaglie e a dare complessivamente dei risultati che ormai fanno dell'Italia una formazione da battere.
Una piccola nota di cronaca : l'anno 2000 è stato l'anno internazionale della Matematica, l'anno dell'oro di Giorgio Dendi, ma soprattutto l'anno in cui il professor Geronimi ha assunto l'incarico di allenatore ufficiale, un “mister” che – anche grazie agli oramai mitici “ritiri” di Caldè – riesce ad ottenere dai suoi “ragazzi” performances da far invidia a Marcello Lippi.

Quest'anno sei finalisti (più due nel “Parallelo”) sono arrivati tra i primi dieci, ufficialmente proclamati nella premiazione; abbiamo avuto oro, argento e bronzo, anche se a Parigi non si consegnano medaglie, né coppe, ma austeri diplomi, forse più adatti alla prestigiosa sede della Cité Universitarie che ospita la manifestazione.


Andrea Conti
Andrea Conti si è classificato 2° nella categoria L1, battuto solo per il tempo (ha risolto lo stesso numero di esercizi, con lo stesso punteggio, della medaglia d'oro); Francesco Morandin, ricercatore in Probabilità all'Università di Parma, è arrivato 4° nella Categoria GP. E ancora, Giovanni Paolini 7° nella Categoria C2; Daniele Rossano 6° e Andrea Alunni Macerini 7° nella Categoria L2; Manuel Berbenni 10° nella Categoria L1.

Sono risultati importanti – lo ripetiamo – che confermano la buona preparazione e la serietà dei nostri finalisti, che devono cimentarsi, nei due giorni di gare, con testi sicuramente più impegnativi rispetto alle selezioni (tutti i quesiti o quasi richiedono il numero esatto delle soluzioni possibili !) e con concorrenti agguerritissimi (l'incubo dei Polacchi !) in tempi da record.

Sono risultati che cominciano a riguardare anche le categorie dei più giovani e non solo gli universitari o il Grande Pubblico, come negli anni precedenti.

Un “oro” e un “bronzo” sono arrivati anche nel Concorso Parallelo, una gara a parte, riservata ai concorrenti che non si sono selezionati nelle Finali Nazionali, ma che devono risolvere gli stessi quesiti degli “ufficiali”.
Le nostre “storie parallele” di quest'anno sono molto belle; le raccontiamo brevemente.
Nella Categoria C2 a Milano erano arrivati anche due fratelli – gemelli – di Caltanissetta, entrambi bravissimi e impegnatissimi, ma uno si qualifica per Parigi e l'altro no.
Nessun problema : entrambi si allenano a Caldè e l'”escluso” decide di chiedere l'iscrizione al Concorso Parallelo. Viene ammesso e ….vince ! Arriva primo assoluto con una buonissima prova che nel concorso “ufficiale” gli avrebbe permesso di conquistare la medaglia d'argento, “piazzandosi” ben prima del fratello, che l'aveva “battuto” a Milano. La medaglia d'oro si chiama Angelo Mastrosimone.


Alfonso Cornia
La seconda “storia” è quella di Alfonso Cornia, responsabile dei nostri Campionati per la sede di Carpi (MO), dove insegna, e grande appassionato di giochi matematici. Si era “aggregato” alla nostra spedizione con l'intenzione - innocente ! – di assistere alla Finale internazionale e di respirare un po' di aria parigina ma, arrivato sul terreno di gioco, non ce l'ha fatta: non ha resistito alla tentazione e, vista l'opportunità, si è iscritto al Parallelo ed è arrivato 3°, gareggiando e battendo concorrenti esperti ed agguerriti.

A queste note seguirà – sempre sul sito – un “Dossier Parigi”, in cui i “nostri” si racconteranno.

Noi ci fermiamo qui, con un'ultima annotazione del cronista : i termini “gara”, “vittoria”, “piazzamento”, i verbi “vincere” e “perdere” sono mutuati dal linguaggio sportivo.
Il nostro è sì uno sport, della mente, se si vuole, ma dove il termine sport ha conservato tutti i valori di una leale competizione, in cui anche la partecipazione è importante. In questo senso, siamo tutti vincitori.

Ecco i risultati completi:

Categoria C1
DE SIMONI PIETRO Milano 45°
       
BENCIVENNI PAOLO Imola (BO) 20°
       
MAGGIO LORIS Chieti 25°
       
       
Categoria C2
MASTROSIMONE GIUSEPPE Caltanissetta 26°
       
BASILICO MIRKO Gerenzano (VA) 13°
       
PAOLINI GIOVANNI Brescia
       
       
Categoria L1
CONTI ANDREA Castelmella (BS)
       
BALESTRAZZI DANIELE Parma 33°
       
BERBENNI MANUEL Vertemate (CO) 10°
       
       
Categoria L2
ALUNNI MACERINI ANDREA Lucca
       
ROSSANO   DANIELE Alba (CN)
       
D'AGUANNO CARLO Cassino (FR) 14°
       
       
Categoria GP
MORANDIN FRANCESCO Parma
       
COMOTTI LUCA Bergamo 20°
       
REALE FRANCESCO Pisa 15°
       
       
Categoria HC      
DENDI GIORGIO Trieste 18°
       
       
       
MASTROSIMONE ANGELO Caltanissetta Parallelo C2           1°
       
CORNIA ALFONSO Carpi (MO) Parallelo GP          3°