LO SAPEVATE CHE....

Matematica e linguaggio

 Che legame c’è tra la capacità di parlare  e quella di pensare, eseguendo calcoli matematici? Rosemary Varley della University of Sheffield e colleghi hanno provato a rispondere con uno studio in cui analizzano il caso di tre pazienti dalle capacità linguistiche fortemente compromesse. Ne dà notizia la rivista PNAS sul numero del 1 marzo 2005 e ripreso da darwin, Bimestrale di Scienze, sul numero in edicola attualmente.

I ricercatori, coordinati da Varley, hanno scelto dei problemi matematici che richiedono procedure equivalenti dal punto di vista computazionale alle operazioni grammaticali che i pazienti non erano più in grado di compiere. Tutti e tre gli individui, per essendo affetti da afasia severa, hanno dimostrato abilità matematiche intatte. Per esempio, pur comprendendo le parole Aldo, Sara e colpisce non distinguevano tra le frasi Aldo colpisce Sara e Sara colpisce Aldo. Però risolvevano operazioni matematiche con la stessa struttura, cogliendo la differenza che c’è quando al numero 52 si sottrae 11 e viceversa. Allo stesso modo i pazienti non erano in grado di comprendere frasi contenenti degli incisi, ma non avevano problemi a maneggiare espressioni quali 90 –3(3+17). Infine, sapevano indicare numeri maggiori di x ma minori di x+1, mentre non riuscivano a creare nuove frasi partendo da un vocabolario finito.

Esempi di calcolo dei pazienti affetti da afasia severa.

Questi primi risultati dimostrano che il ragionamento numerico e il linguaggio sono due facoltà funzionalmente e neuroanatomicamente dissociate. Elizabeth Brennon, nella presentazione del lavoro, non esclude, però, che la sintassi matematica sia derivata da quella linguistica dal punto di vista evolutivo o di sviluppo embrionale. Per esempio, è possibile che il cervello umano sia stato trasformato dall’evoluzione del linguaggio, preparando la strada per il ragionamento complesso e la sintassi matematica.

Un contributo utile per rispondere a questi interrogativi potrebbe venire dallo studio dei precursori del ragionamento e della sintassi matematica negli animali e dalle ricerche sullo sviluppo delle abilità matematiche nei bambini.

 

PNAS, 1 marzo 2005, Vol. 102, No. 9, 3519-3524

darwin, Bimestrale di Scienze, maggio-giugno 2005, n.7, 36