LA SFINGE

DI BARTEZZAGHI

Ad un orario inconsueto, le ore 17.00, lunedì 2 marzo verrà rappresentato presso il Piccolo Teatro Strehler di Milano "Enigma, il teatro della sfinge - Azione teatrale da Eraclito, Sofocle, Platone, Tesauro, Kafka, Lacan, Durrenmatt (e altri autori antichi e moderni)".

Con Luca Lazzareschi e Galatea Ranzi

Testi di Stefano Bartezzaghi

Musiche di Francesco Calandra di Roccolino

 

"L'uomo arrischia il suo percorso, il cammino del logos, sui sentieri pericolosi della sapienza. Ma alla fine l'uomo "conoscerà se stesso", come predica la parola apollinea? I responsi della sapienza non sono mai trasparenti, ma ambigui o oscuri, comunque reticenti: sempre nascondono una trappola la cui posta in gioco è la vita. Edipo arriva alle porte di Tebe in tre tappe - tre scene dell'azione teatrale: a Corinto il dialogo con la madre Merope; a Delfi lo scambio con la Pizia, e infine l'incontro con la Sfinge alle porte della città.
Indovinelli, proverbi, enigmi, costellano la vicenda mitica che proprio mediante la soluzione di giochi di parole sembra dipanarsi per poi inevitabilmente riaggrovigliarsi.
L'uomo - Edipo, il campione del logos, vittima ed eroe di questa storia saprà (vorrà) rispondere all'ultimo indovinello
?

L'enigma, sfida sapienziale e gioco d'astuzia, ha per posta la vita di chi lo pone e di chi lo deve risolvere. ma il suo linguaggio incomincia a risuonare quando l'uomo incrocia gli dei dell'Olimpo (e, con loro, il proprio fato) e gli uomini delle città (e, con loro, la storia). Proverbi, oracoli e indovinelli costituiscono altrettante forme di inganno, promettono risposte ma dicono meno dell'indicibile che nascondono. Fra la sapienza e l'astuzia quale arma sceglierà Edipo per eludere la trappola fatale che lo attende?

INGRESSO LIBERO FINO A ESAURIMENTO POSTI