di
Telmo Pievani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Roma-Milano
è l’anno di Darwin

 

Cari amici e colleghi,
                                 è un piacere per me annunciarvi l’imminente apertura della mostra internazionale “Darwin 1809-2009”, nella splendida cornice del Palazzo delle Esposizioni di Roma, a partire dal 12 febbraio 2009, giorno del bicentenario della nascita del grande naturalista inglese. Grazie alla collaborazione dell’American Museum of Natural History di New York e alla curatela di due autorevoli evoluzionisti come Niles Eldredge e Ian Tattersall, la mostra - progettata e organizzata da Codice Idee per la Cultura e dall’Azienda Speciale PalaExpo – sarà la più importante al mondo per dimensioni e per ricchezza degli oggetti esposti (www.darwin2009.it). In un percorso coinvolgente e adatto a un pubblico di ogni età, in una cornice scenografica di paesaggi, di atmosfere, di colori e di suoni, l’appassionante vicenda biografica e la storia delle idee di Darwin saranno narrate attraverso ricostruzioni spettacolari a grandezza reale (in particolare, del gliptodonte che scavò in Sud America, del suo studio a Down House e del “Sandwalk”), decine di modelli di animali e di tassidermie, oggetti originali posseduti dal naturalista (la sua bussola, i Taccuini, le lettere), fossili, documenti, testimonianze, lettere, libri, video, exhibit didattici. Rispetto all’edizione originale americana, oltre agli aggiornamenti e alle integrazioni la mostra presenterà due sezioni completamente inedite, una sull’evoluzione umana (con i calchi dei reperti di 18 specie ominidi a formare l’“albero cespuglioso” delle nostre origini, la ricostruzione di Lucy, il calco del preziosissimo cranio di Ceprano) e una sugli intensi rapporti fra Darwin e l’Italia. Per la gioia dei bambini, e grazie alla collaborazione del Bioparco di Roma, non mancheranno alcuni animali vivi che ispirarono le prime intuizioni evoluzionistiche di Darwin: fra gli altri, iguane, tartarughe e un armadillo.

La mostra sarà anche l’occasione per una serie di incontri, di letture e di spettacoli presso l’Auditorium di PalaExpo. Il ciclo si inserirà nelle numerose iniziative che, a partire dal Darwin Day di Milano (4-8 febbraio 2009) e dal convegno “Il mondo dopo Darwin” dell’Accademia dei Lincei (11 e 12 febbraio 2009), arricchiranno il fitto calendario del bicentenario darwiniano in Italia (per tutte le informazioni: www.pikaia.eu).

Spesso lamentiamo il fatto che in Italia la scienza non sia apprezzata adeguatamente come una forma alta di cultura. E’ dunque particolarmente significativo e confortante che nel nostro paese una sede espositiva tanto prestigiosa nel campo delle arti dedichi ora i suoi spazi (dal 12 febbraio al 3 maggio 2009) alla figura di uno scienziato che così profondamente ha cambiato il nostro modo di guardare alla natura e alla sua storia. Spero che il pubblico possa apprezzare la novità e i contenuti di questo progetto, che dopo la tappa inaugurale nella capitale girerà per l’Italia, a cominciare da Milano, presso la Rotonda della Besana, dal 4 giugno al 25 ottobre 2009.

Nella speranza di vedervi numerosi alla mostra e agli incontri, un caro saluto!

 

Telmo Pievani

Curatore dell’edizione italiana